Mercoledì, Agosto 23, 2017

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito.

Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. Per saperne di piu'

Approvo
Accedi

Accedi

Antonio Premazzi

Speciale "La montagna sottosopra"

Itinerari sotterranei

Nato a Tradate il 26 gennaio 1975, si è diplomato perito elettronico nel 1994. Dal 1996 è impiegato tecnico dell’industria metalmeccanica. Iscritto al Club Alpino Italiano dal 1996, pratica speleologia dal 1998 prima con il Gruppo Speleologico CAI Varese poi, dal 2003, con Speleo Club CAI Erba e progetto InGrigna!. Ha partecipato a esplorazioni nelle aree carsiche di Campo dei Fiori (VA), Costa del palio (LC), Presolana (BG), Triangolo Lariano (CO), Grigna (LC) e Piani di Bobbio e Artvaggio (LC-BG). Nel corso del 2014 è stato nominato Istruttore Sezionale di Speleologia del CAI. Ha al suo attivo la pubblicazione di oltre cento articoli riguardanti l’attività speleologica e dal 2011 è redattore della rivista Speleologia edita da Società Speleologica Italiana. Vive a Varese con la compagna Luana e la gatta Nosè.

La montagna sottosopra

Itinerari sotterranei

Le nostre valli, un vero paradiso tra laghi e monti, si adagiano tra vette di incomparabile bellezza che ai primi freddi si mostrano candide all’orizzonte. Un incredibile richiamo per gli appassionati di trekking e di alpinismo che si inoltrano per sentieri, tratturi (le strade della transumanza), avert (luoghi di permanenza del bestiame all’aperto), muretti a secco, carbonaie, bolle per la raccolta dell’acqua, nevere e rifugi...


L'articolo completo "La montagna sottosopra" è disponibile alla consultazione per gli utenti abbonati!

 

Letto 1062 volte

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

SPONSOR