Lunedì, Luglio 24, 2017

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito.

Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. Per saperne di piu'

Approvo
Accedi

Accedi

La storia dei Carabinieri (XV parte)

Origini e compiti dell'Arma

Vota questo articolo
(0 Voti)
XXIII. IL RIORDINO DELL’ARMA E LE SUE LINEE ESSENZIALI Il 24 ottobre 2000, in attuazione all’art. 1 della legge delega 31 marzo 2000, n. 78, sono entrati in vigore due decreti legislativi del 5 ottobre 2000, riguardanti il riordino dell’Arma dei Carabinieri (D.Lgs. n. 297/2000) e del reclutamento, dello stato giuridico e dell’avanzamento degli ufficiali della stessa Arma (D.Lgs. n. 298/2000). Con tali due norme, l’Arma, saldamente ancorata alle proprie tradizioni e al valore irrinunciabile della militarità, ha assunto un…

La mia città dal 1961 al 1963

  • Numero: 127
  • Lunedì, 08 Giugno 2015 00:00
  • Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)
  Inizia da questo numero una nuova serie de “La mia città” che raggruppa gli anni per decine con le notizie più salienti. 1961 È questo l’anno in cui l’Italia festeggia il centenario dell’Unità. A Como i festeggiamenti sono programmati per il 26 marzo. Il 6 febbraio si apprende che Palazzo Odescalchi sarà destinato alla Biblioteca Comunale, diventando così il centro della cultura cittadina, dopo una ristrutturazione nell’angolo tra via Volta e via Indipendenza. Ma c’è pure una notizia curiosa:…

Confucio, il "maestro di vita"

Vota questo articolo
(0 Voti)
K’ung fu-tzu, Confucio (551-479) incominciò la sua carriera nel paese di Lu (l’odierno Shan-tung), divulgando i suoi insegnamenti per eliminare il malgoverno nella vita pubblica in Cina. Ancor oggi, trascorsi 2500 anni, se si vuole capire la Cina moderna, si deve considerare l’opera compiuta da Confucio, che fu uno dei grandi “maestri” dell’umanità, tra i quali enumero Mosè, Buddha, Confucio, Socrate, Gesù (il Figlio di Dio fattosi carne per rivelarci il Dio-Amore). Tranne Mosè, essi non lasciarono nessun scritto; insegnarono,…

La Linea Cadorna

L'idea di un confine fortificato nel territorio comasco

  • Numero: 127
  • Lunedì, 08 Giugno 2015 00:00
  • Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)
Nel 2014 sono iniziate le celebrazioni per il centenario dello scoppio di uno degli eventi bellici che ha sconvolto per sempre l’assetto geopolitico europeo e mondiale, ovvero la Prima Guerra Mondiale, definita dagli storici la “Grande Guerra”.  Nei libri di storia lo scoppio coincide con la data dell’attentato di Sarajevo, il 28 Giugno 1914, ma le motivazioni potrebbero essere indicate parafrasando il titolo di un famoso saggio di Hannah Arendt “La banalità del male” in “La mediocrità del male”; infatti,…

La storia dei Carabinieri (XIV parte)

Origini e compiti dell'Arma

Vota questo articolo
(0 Voti)
    L'ARMA NELL'ITALIA CONTEMPORANEA   3. LA LOTTA ALLA CRIMINALITÀ ORGANIZZATA Negli anni '60 la criminalità organizzata cambiò profondamente, considerato che: • si era ampliata la sfera di azione comprendendo nuove attività illecite ad alto profitto, prima fra tutte il traffico di sostanze stupefacenti; • i rapporti internazionali avevano consentito di portare all'estero buona parte della cospicua liquidità ottenuta dalle attività delinquenziali; • aveva potuto fare affidamento sulla connivenza di alcuni personaggi negli apparati pubblici centrali e locali per…

Fiumelatte

Il fiume più corto del mondo

Vota questo articolo
(0 Voti)
  Si trova nella vicina Varenna, in provincia di Lecco, uno dei fiumi più particolari di cui è possibile parlare nella nostra regione (che per la sua complessa idrografia, non è comunque seconda a nessun'altra zona d'Italia!). Sono, infatti, solamente duecentocinquanta i metri attraverso cui si sviluppa questo immissario del lago di Como, sito all'altezza del paesino lecchese, ma la sua singolarità gli ha valso, comunque, la possibilità di battezzare anche la frazione di abitato in cui possono imperversare le…

Il Buco della Niccolina

Una cavità dai nomi esoterici

  • Numero: 126
  • Giovedì, 21 Maggio 2015 00:00
  • Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)
Se da Nesso si risale la Valle del Nosè, oltrepassato l’abitato di Zelbio, si arriva al Pian del Tivano e al “Buco della Niccolina” (o Nicolina), una cavità conosciuta da sempre essendo il suo ingresso chiaramente visibile. Costituisce il punto meno elevato dell’altipiano e ingurgita tutte le acque, i detriti e i sedimenti dei dintorni, che a volte ne otturano il proseguimento poco dopo l’entrata. Il suo nome ha più interpretazioni: quello di una leggendaria strega medievale che vi abitava…

Como nel 1960

Un anno di cronache

  • Numero: 126
  • Giovedì, 21 Maggio 2015 00:00
  • Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)
  Continua incalzante la diffusione della televisione, tanto che il giornalismo in Italia si consolida con le testaste nazionali a scapito di quelli locali. Il quotidiano comasco decide di concentrarsi di più sulle notizie e sugli avvenimenti in terra lariana. La cronaca locale appare, forse per la prima volta, in prima pagina con il titolo di apertura il 6 gennaio: “Quindici morti sette comaschi”. Il riferimento riguarda il disastro ferroviario avvenuto il giorno prima a Monza, quando un treno della…

Buddha l'illuminato e il rinnovamento religioso del V-VI secolo

Vota questo articolo
(0 Voti)
  Nella serie di eventi in cui ho cercato di gettare luce su personaggi che hanno cambiato il corso della storia, con riverberazioni attuali anche nei nostri tempi, ho presentato la figura di Narmer, il faraone che unificò l’Alto e il Basso Egitto e diede vita alla prima superpotenza mondiale, poi quella di Sneferu, il costruttore di piramidi, e, infine, quella di Hatshepsut, il faraone donna. Sono passato quindi a considerare, dapprima, Hammurapi, l’autore del codice di leggi che regolarono…

Le rondelle della Spina Verde

Un enigma archeologico irrisolto

  • Numero: 126
  • Giovedì, 21 Maggio 2015 00:00
  • Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)
Decenni di ricerche nel parco della Spina Verde e nelle aree circostanti hanno consentito agli archeologi, assieme all’individuazione di importanti antiche strutture, di acquisire una notevole quantità di oggetti dell’abitato della Como preromana, la cui maggior fioritura risale al V secolo a.C. Fra questi è stato frequente, e lo è tuttora negli affioramenti, il ritrovamento di dischetti di terracotta, convenzionalmente chiamati “rondelle” (del diametro variabile, da poco più di uno a quattro-cinque centimetri), la cui caratteristica è quella di non…

La storia dei Carabinieri (XIII parte)

Origini e compiti dell'Arma

Vota questo articolo
(0 Voti)
L'ARMA NELL'ITALIA CONTEMPORANEA   1. IL TERRORISMO ALTOATESINO Negli anni Sessanta l'Arma fu chiamata a neutralizzare il terrorismo anti-italiano sorto in Alto Adige, dove esisteva una convivenza forzata fra popolazioni di lingua tedesca e cittadini di lingua italiana. I Governi succedutisi nei primi anni del dopoguerra tentarono di non inasprire l'ostilità del gruppo etnico tedesco. Eventi successivi, tuttavia, portarono Italia ed Austria alla necessità di definire, all'indomani del secondo conflitto mondiale, una soluzione concordata circa l'assetto politico dell'Alto Adige, in…

Ricerca per Numero

Ultimo numero: 143

Numero

Categoria

Accesso Abbonati

COMMENTI

SPONSOR