Domenica, Aprile 23, 2017

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito.

Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. Per saperne di piu'

Approvo
Accedi

Accedi

Un commissario, una storia - Rapina a Lipomo

Il pericolo nascosto

  • Numero: 141
  • Mercoledì, 30 Novembre 2016 00:00
  • Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)
C’è stata una volta in cui ho rischiato seriamente di trovarmi contro una pistola carica. Era l'estate del 1978 e le vicine vacanze avevano provocato uno stato quasi di rilassamento in Questura. Anche alla Squadra Mobile si viveva già la bella stagione e il tanto agognato riposo. Ma, improvvisamente, il clima da caldo divenne rovente. Tra i soliti informatori girava voce ricorrent  di un’imminente rapina ad opera di elementi presumibilmente della malavita bergamasca, giunti da pochi giorni in città. Elementi descritti come persone estremamente pericolose. Purtroppo, incerti erano il come e il quando…

Inchiostro simpatico - Nei giardini dell'Assam

L'arte del tè

  • Numero: 141
  • Mercoledì, 30 Novembre 2016 00:00
  • Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)
  “Ed ora ci avvicineremo alla conoscenza del tè, delle sue origini e della sua preparazione con una serie di immagini-filmato che ci porteranno nell'Assam, la regione indiana, maggiore produttrice al mondo di tè. Come potete vedere dalla cartina, l'Assam si trova a nord est del subcontinente, tra le rive del Brahmaputra e un altopiano carsico. Per quanto la conoscenza e l'uso di questa bevanda risalgano a tempi leggendari, la sua produzione commerciale si è sviluppata soltanto dalla metà del XIX secolo, quando in virtù del clima favorevole vennero avviate le prime estese…

La cruna del Lago - Il badante di Proust

  • Numero: 141
  • Mercoledì, 30 Novembre 2016 00:00
  • Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)
Era da tempo che l’Asdrubale non si faceva vivo. Ci eravamo sentiti ad inizio estate e poi silenzio. Cominciavo a preoccuparmi. L’Asdrubale è un “rompiscatole” di quelli tosti, però è anche un amico vero. Ci conosciamo dai tempi dei pantaloni alla zuava, dei cappotti rivoltati, del vestito da marinaretto che ci mettevamo la domenica per andare a messa. Insomma, gli voglio bene anche se lui sembra avere una particolare predisposizione a farsi vivo nei momenti meno opportuni. Di solito mi becca mentre, sbragato in poltrona davanti al televisore, soffro per le insipienze pallonare…

Un commissario, una storia - Quel chiosco in viale Geno

Bische notturne e cocenti umiliazioni

Vota questo articolo
(1 Vota)
A Como esiste un luogo del cuore che rende lo scenario della città ancor più incantato, conciliandoci con gli scempi del lungolago imbruttito da tavole di legno e dalla vecchia stazione della navigazione, oramai abbandonata. È gradevole passeggiare, specie quando le giornate sono belle e soleggiate, lungo la sponda di viale Geno, partendo da piazza Matteotti fin dopo la Como Nuoto. Arrivati alla fine della strada, lì dove si allarga e diventa un balcone sul lago, ci si inebria della…

Inchiostro simpatico - La famiglia di Telemaco

Il caso Tiemme

  • Numero: 137
  • Mercoledì, 13 Luglio 2016 00:00
  • Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)
È scomparso. Da ore non si hanno sue notizie. Ogni tentativo di ritrovarlo si sta rivelando fallimentare. La trepidazione si è trasformata in ansia e l'ansia in angoscia. Non c'è alcuna traccia negli ospedali dei dintorni, e nemmeno negli obitori. Nelle stazioni e nei sobborghi frequentati da senzatetto nessuno ha riconosciuto la sua fotografia, nessuno l'ha visto. Le telecamere che potrebbero averlo filmato mentre sale su un treno o su una corriera alla stazione centrale sono spente da due giorni.…
Vota questo articolo
(0 Voti)
Amo perdermi per le vie della mia città. Sono sedotto e affascinato dai palazzi pieni di nobiltà, sbircio al di là dei portoni per godere la vista di inimmaginabili giardini fioriti, calpesto con discrezione il selciato delle viuzze del centro. Ignoro i gruppi di turisti inciabattati che, a naso all’insù, arrancano dietro la guida che “...bla bla bla…” tutto racconta dei monumenti – epoca, storia, artista – ma nulla dice delle emozioni che suscitano in chi ne sa cogliere l’anima…

I caratteri di Teofrasto di Ereso

Rivisitazione in chiave moderna

Vota questo articolo
(0 Voti)
 LA SPUDORATEZZA Lo spudorato è colui che non mostra ritegno o alcuna vergogna nell’abbandonarsi ad atteggiamenti che offendono una buona reputazione, magari a motivo di un guadagno, se non sempre illecito, almeno poco chiaro. Oramai diviene difficile descrivere questo tipo di caratteristica anche perché, essendo così diffusa, non si riesce più a stabilire il limite fra la decenza e un comportamento spudorato. Basta sfogliare un quotidiano o una rivista per rendersene conto. Tuttavia, il luogo ove se ne può fare…

Un commissario, una storia - Cinema Astoria

I rapinatori e "la molletta"

Vota questo articolo
(0 Voti)
  Tempo fa ho scritto del cinema Politeama, questa volta come riferimento ho un altro cinema, l'Astoria, che una volta era in Via XX Settembre.  Oggi al posto della vecchia sala, abbattuta qualche anno fa, c'è un nuovissimo condominio. Anche i cinema fanno parte della storia di Como ed in questa storia della nostra città c'è sempre qualcosa che è stato abbandonato all'incuria o a qualcosa che non c'è più. Dei tanti cinema che c'erano resistono solo l'Astra ed anche…

Inchiostro simpatico - Il giardino pensile

La complessa mdoulistica

  • Numero: 135
  • Venerdì, 03 Giugno 2016 00:00
  • Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)
  Amulio Gargiulo soffriva da sempre di complessi di inferiorità e per quanto la vita gli avesse dato torto, circa il fatto di essere un'entità paragonabile ad un'ameba, il tormento di poter essere soppiantato da chiunque, non lo aveva mai abbandonato. Nemmeno adesso che si avvicinava alla quarantina. Il Gargiulo conduceva con la moglie Palma una vita schiva, senza grandi cambiamenti, se non quello della casa. In sedici anni di matrimonio avevano traslocato già quattro volte. Con relativi quattro acquisti…

La cruna del lago - Asdrubale e il salmone della Gigina

  • Numero: 135
  • Venerdì, 03 Giugno 2016 00:00
  • Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)
  Ieri sera mi stavo godendo la partita beatamene sdraiato sulla mia super poltrona quando è squillato il telefono. Chi poteva essere il rompiscatole a quell’ora se non l’Asdrubale? Infatti era lui, il mio amico più caro ma anche il più rompiballe... «Ciao Renzo, sono io, l’Asdrubale, non ti disturbo vero?». Che coraggio e che faccia di tolla! Come non disturbi? Disturbi e come, amico caro! Ho cacciato questi brutti pensieri dalla mente e, mentendo spudoratamente, ho risposto: «Ma Asdrubale,…

I caratteri di Teofrasto di Ereso

Rivisitazione in chiave moderna

Vota questo articolo
(0 Voti)
  LA SUPERSTIZIONE È la credenza che avvenimenti futuri possano essere influenzati dal nostro comportamento attuale senza alcuna causa che ne abbia determinato gli effetti. Il superstizioso è colui che se vede un gatto nero mentre gli attraversa la strada ritorna sui suoi passi pur di non procedere oltre e se per sbadataggine versa un po’ di sale ne butta alle spalle tre pizzichi per ammansire la sorte avversa o per blandire il diavolo che la tradizione vuole seduto sopra…

Ricerca per Numero

Ultimo numero: 143

Numero

Categoria

Accesso Abbonati

COMMENTI

SPONSOR