Giovedì, Luglio 27, 2017

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito.

Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. Per saperne di piu'

Approvo
Accedi

Accedi

Quella telefonata decisiva

Storie di vita vissuta

  • Numero: 143
  • Mercoledì, 22 Febbraio 2017 00:00
  • Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)
Quando facevo il poliziotto… Una volta iniziavano così i discorsi con gli amici, quando raccontavo di episodi, avvenimenti e storie varie, anche minimali e non avventurose, come forse coloro che mi ascoltavano avrebbero desiderato. Scherzosamente dico sempre che, consapevole di aver incominciato ad annoiare i miei interlocutori, ho deciso nel tempo di raccontarle a voi lettori. Storie di vita vissuta, di varia umanità, non sempre di supereroi e di grandi investigazioni. Tante volte le indagini nascevano da occasioni, da particolari…

La Religione e la Scienza

Ogni lasciata è persa!

  • Numero: 143
  • Mercoledì, 22 Febbraio 2017 00:00
  • Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)
La visita, che concludeva un programma interamente dedicato ai luoghi voltiani, era stata organizzata da mesi per una data ben precisa: il compleanno del Genio comasco, ovvero il 18 febbraio. Il gruppetto di fedeli partecipanti, sempre più entusiasta, non solo per le scoperte curiose e interessanti sul personaggio ma anche per il crescente affiatamento, si era prenotato con ampio anticipo.“Che cosa ne pensi Clarice, riservo i posti per tutti? Sai che queste visite sono a numero chiuso?”.“Certo che lo so.…

La cruna del lago

Il conforto dei ricordi

  • Numero: 143
  • Mercoledì, 22 Febbraio 2017 00:00
  • Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)
Piango, si piango. Ci sono momenti del mio vivere in cui mi sento pervadere da un profondo senso di tristezza e allora mi lascio andare al pianto. Di nascosto, alla scrivania del mio studio, la testa fra le mani, i singhiozzi soffocati...Le lacrime che scendono copiose dai miei occhi spazzano via la nebbia che avvolge la mia mente e il mio cuore. Il turbinio di sentimenti si placa, mi sento in pace. Scorrono i pensieri, la memoria svela ricordi che…

Immigrazione

La nuova emergenza comasca

Vota questo articolo
(0 Voti)
Le emergenze di Como — negli ultimi mesi invasa da centinaia di migranti accampati nei giardini della stazione (e prima ancora da mesi all'interno della stessa) — fanno nuovamente riflettere, anche se il fenomeno dell'immigrazione è un problema molto più antico e radicato.Circa vent'anni fa, dopo la disgregazione delle Repubbliche sovietiche e di quelle sulla sponda adriatica — ex Iugoslavia ed Albania — si è assistito, infatti, ad una emigrazione dai paesi dell'Est e molti ricorderanno i massicci arrivi sulle…

Storici sconosciuti

Incontro alla Baita Primula

  • Numero: 142
  • Martedì, 21 Febbraio 2017 00:00
  • Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)
L’ultima volta è stata 40 anni fa. Allora eravamo davvero giovani; studenti intellettualmente impegnati, presi da discorsi colti, seri, pedanti. Chissà, pensavamo che lasciarci andare in leggerezze ci sminuisse. Eravamo così concentrati sul valore del sapere da non dedicarci affatto al valore del nostro aspetto esteriore. Praticare sport equivaleva quasi a una benevola revisione del fascismo. Studiosi e sedentari, tanto che la passeggiata dall'Alpe di Oneda, nel comune di Valbrona, fino alla Baita Primula, nei pressi dei Corni di Canzo,…

La cruna del lago

Parola di carabiniere

  • Numero: 142
  • Martedì, 21 Febbraio 2017 00:00
  • Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)
Il calendario racconta che siamo nel 1950.La scuola elementare di Ponte Chiasso è in via Silva 8.Per raggiungerla devo attraversare un ruscello su un ponticello di legno traballante. Un sentiero tra i prati, un impervia salita ed eccomi davanti alla scuola.Un bidello severo, ma sempre sorridente, accoglie tutti gli alunni sollecitandone l’entrata al suono della campanella. In cartella, fra libri e quaderni, la mamma mi ha messo, avvolta nella carta stagnola, la solita michetta con dentro quattro quadretti di cioccolato…

Un commissario, una storia - Il Politeama

"Il Capitale umano"

Vota questo articolo
(0 Voti)
Il cinema teatro Politeama di Piazza Cacciatori delle Alpi qualche tempo fa è ritornato alla ribalta per il film, candidato all'Oscar, “Il capitale umano” di Virzì. Il regista ha utilizzato, infatti, la sala del cinema-teatro per alcune ambientazioni del film. Si era poi ripromesso di tornare a Como per verificare se fossero state messe in essere le promesse iniziative per il futuro dell'abbandonata sala, lasciata purtroppo, da troppo tempo, al suo triste destino di decadenza. Decadenza, un termine a Como…

Inchiostro simpatico - Un ritrovato amico

La preselezione

  • Numero: 130
  • Lunedì, 20 Febbraio 2017 00:00
  • Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)
Spartaco Centofanti, con tanto di master in diritto internazionale, conoscenza perfetta di inglese, tedesco e spagnolo (in questo il giovane è nato fortunato, essendo di padre italo-austriaco e di madre italo-argentina) e formativi tirocini nei più prestigiosi istituti di diritto internazionale di Ginevra, New York e Milano, costituisce un degnissimo rappresentante di quei giovani dotti nella teoria e già periti, nel senso latino di esperti, prima di immettersi nel mondo del lavoro.  Tuttavia, ha deciso di partecipare al concorso per…

La cruna del lago - Garibaldi e nonna Delfina

  • Numero: 130
  • Lunedì, 20 Febbraio 2017 00:00
  • Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)
Sono un tifoso sfegatato di Garibaldi. Per me don Peppino è un mito, guai a chi me lo tocca! Ammiro tutto di lui: una vita spericolata, donne e amori in quantità, una voglia di giustizia insopprimibile...  Sensibile ad ogni anelito di libertà e ribellione al tiranno, lui partiva lancia in resta e spada sguainata… La mia ammirazione sconfinata per don Peppino forse grazie alla mia maestra delle elementari.  Erano tempi quelli in cui la storia la si studiava con il cuore…

La cruna del lago - La clessidra dei ricordi

  • Numero: 129
  • Lunedì, 20 Febbraio 2017 00:00
  • Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)
Amici, di quelli veri, ne ho uno solo, no due, anzi tre, forse quattro, magari cinque o anche sei o ancora di più... di più... di più! Mi è prezioso il loro ricordo, e utile. Capelli e baffi bianchi fanno di me un inconfondibile nonno. Un giorno fa sono entrato con mia figlia Benedetta, ventiquattro anni, da Coin. La mia figliola si è fermata davanti ai profumi, una commessa si è avvicinata, ha notato che si guardava attorno non vedendomi al suo fianco, e, allora, riferendosi a me che ero fermo…

Un commissario, una storia - Il mestiere dell'investigatore

Avventure sotto "copertura"

Vota questo articolo
(0 Voti)
In molti, sia in trasmissioni televisive che sulla carta stampata, si esercitano nel difficile mestiere dell'investigatore. Giornalmente c'è il dotto enunciare di criminologi di fama (altri del tutto improvvisati) alla ricerca della verità ogni qualvolta vi è un omicidio o una morte sospetta. Così è stato per tutti i recenti fatti di sangue non ancora del tutto risolti e così sarà per eventuali prossimi avvenimenti particolari. Tutti ricorderanno il triste caso dei fratellini di Trani ed il lungo dissertare sulla loro scomparsa con ripetute interviste, anche patetiche, ai vari protagonisti, parenti o investigatori, con un epilogo quasi da farsa, se non…

Ricerca per Numero

Ultimo numero: 143

Numero

Categoria

Accesso Abbonati

COMMENTI

SPONSOR